Solo gioco o aggressione? I cani dicono anche altro…

Una comunicazione efficace e’, molto spesso, la chiave per avere consapevoli e serene relazioni; comunichiamo nel momento in cui siamo in grado di leggere e decodificare i messaggi che ci vengono inviati dall’altro (attraverso segnali gestuali, vocali, con lo sguardo e con le posture) e decidiamo poi se, come e quando dare risposta. È facile capire quanto l’ intera faccenda sia complicata…  le incomprensioni sono perennemente dietro l’ angolo. Quando poi si tratta di specie diverse, i problemi comunicativi sono quasi inevitabili. Noi ovviamente ci riferiamo in particolare ai cani, nostri compagni di viaggio da più o meno qualche millennio.

Essere in grado di capire cosa il nostro cane sta cercando di dirci e’ fondamentale, se vogliamo essere certi di saper dare le adeguate risposte ai suoi bisogni e teniamo al benessere del cane e alla cura della nostra relazione con lui. Una esempio molto semplice sono le interazioni sociali. Quando due cani interagiscono tra loro, le persone tendono a dividere i comportamenti in due grandi categorie, gioco e aggressione.

In realtà le dinamiche che si creano sono molto più numerose e complesse, un cane può competere, usare comportamenti prepotenti o impositivi e non avere nessuna intenzione di aggredire. Mancanza di aggressione non significa serenità nella relazione. Negli incontri di socializzazione, fra i nostri numerosi obiettivi, uno dei più importanti e’ aiutare i proprietari ad associare dei comportamenti a degli stati emotivi, decodificare il messaggio, perché possiate esserci per il vostro cane, aiutarlo nelle difficoltà e condividerne i successi.

 

 

 

in foto: Nelson (Cocker Spaniel) e Deva (Labrador Retriever) – Classi di comunicazione con Marina Garfagnoli – settembre 2013

I commenti sono chiusi